Tuesday, 18 September 2012

walkingsoundtracks - "tightrope" (self released)

"It’s sufficient to add a bunch of foreign language words in a composition to make everything more fascinating, generally just a few will pay attention to the content, probably cause it’s meaningless.
The mysterious aura of a foreign language, or the sound of a voice giving us safety, like falling asleep to a fairy tale, following a distant whisper disappearing.
what do you do sitting alone on your balcony, when everything is perfect?
I wanna tell somebody." (Nicola Di Croce)


Una passeggiata intorno al pianeta Terra. Godfrey Reggio (Koyaanisqatsi) osserva divertito. Si potrebbe pensare ad un remake con colonna sonora rivisitata. Voci dal pianeta, il suono dell’agonia e della malattia che noi stessi abbiamo creato. Un’elettronica che non si fa sentire...la vedo seduta in una sala d’aspetto. Creare musica con le macchine...passato, presente, futuro o solamente una parentesi? "Fall voice" accende il fuoco che mancava per rendere l’ambiente completamente confortevole. Gli scenari futuri che quotidianamente ci vengono proposti non sono invitanti...mentre continuo a ricevere inviti al coraggio o all’autocommiserazione. Desktop desertici...eppure riesco a intravedere delle ombre e a udire delle voci...e ci sono anche dei suoni! John Zorn che abbassa il capo travestito da Tuareg. L’organizzata civiltà é qui vicina e lo percepisco dalle sirene frenetiche e dalla geometria dei tempi. Cerco un enorme traliccio come nascondiglio per sostituire i miei indumenti. Eccomi...il viaggio é finito. Buongiorno a tutti!

walkingsoundtracks (Nicola Di Croce)
Title: tightrope
Label: self released (Bandcamp)
Style: experimental/soundtrack
Date: September 09, 2012



No comments:

Post a Comment