Tuesday, 31 December 2013

13 favorite albums of 2013


Candlegravity - "Junpei" (Bunkai-kei 037)

Artist: Candlegravity
Title: Junpei
Label: Bunkai-kei
Style: ambient, electronic, post-rock
Date: April 11, 2013
"Probabilmente l'album che ho amato di più nel 2013"
 (review)


_________________________________________________________________________________


wim (ウィム) - "thanks & early feelings" (totokoko 040)

Artist: wim (ウィム)
Title: thanks & early feelings
Label: totokoko
Style: acoustic, pop
Date: November 09, 2013
"Un album poetico, che sfiora il pop mantenendone le debite distanze..."
 (review)


_________________________________________________________________________________

Menion - "Menion" (La bèl 019)

 Artist: Menion
Title: Menion
Label: La bèl
Style: electronic, guitar
Date: June 11, 2013
"decine di particelle elettroniche che saltellano da una parte all'altra delle orecchie"
 (review)


_________________________________________________________________________________


Weerthof - "Out Of Control" (esc.rec. 39)

Artist: Weerthof
Title: Out Of Control
Label: esc.rec.
Style: electronic, neo-classical, glitch
Date: October 02, 2013
"Un'acrobazia perfetta tra strumenti acustici, oggettistica ed elettronica."
 (review)


_________________________________________________________________________________

Veda Hille - "Peter Panties" (self released)

Artist: Veda Hille
Title: Peter Panties
Label: self released
Style: experimental, musical
Date: February 25, 2013
"Spiritoso, intelligente, strabordante di musica concreta, creativa e pulsante."
 (review)


_________________________________________________________________________________


You Are Not Real - "You Are Not Real" (self released)

Artist: You Are Not Real
Title: You Are Not Real
Label: self released
Style: electronic, shoegaze
Date: March 31, 2013
"La musica di You Are Not Real trasporta in uno stato di piacevole trance..."
 (review)


_________________________________________________________________________________

Wacky Southern Current - "Argonautica" (No Source 067)

Artist: Wacky Southern Current
Title: Argonautica
Label: No Source
Style: acoustic, guitar, cinematic
Date: June 08, 2013
"...un sound molto personale e cinematografico."
 (review)


_________________________________________________________________________________


Massimo Ruberti - "The city without sun" (Nostress Netlabel)

Artist: Massimo Ruberti
Title: The city without sun
Label: Nostress Netlabel
Style: electronic, soundtrack
Date: November 26, 2013
"Un suono poderoso che avvolge e ti prende in ostaggio..."
 (review)


_________________________________________________________________________________


Cock & Swan - "Secret Angles" (Hush Hush Records 011)

Artist: Cock & Swan
Title: Secret Angles
Label: Hush Hush Records
Style: trip-pop, dreamy
Date: September 10, 2013
"Consigliato per viaggi notturni, notti insonni e a completamento di serate "stupefacenti"."
 (review)


_________________________________________________________________________________

Earthquake Island - "The case of Galastrophy" (fresh yo! label 023)

Artist: Earthquake Island 
Title: The case of Galastrophy
Label: fresh yo! label
Style: electronica, chillwave
Date: June 24, 2013
"Fresco, frizzante, visionario e pieno di dettagli nascosti."
 (review)


_________________________________________________________________________________


Various Artists - "Roncheras" (Amalgamated Futureless Artists)

Artist: Various
Title: Roncheras
Label: Amalgamated Futureless Artists
Style: Electronic, mariachi, experimental
Date: September 02, 2013
"un esplosione di suoni che uniscono ranchera, elettronica e mariachi in un materiale prezioso"
 (review)


_________________________________________________________________________________

Sergi Boal - "Cercle" (AlchEmistica 008 / Acustronica 036)

Artist: Sergi Boal - "Cercle" 
Title: Cercle
Label: AlchEmistica/Acustronica
Style: classical, guitar, impro
Date: February 17, 2013
"Cinque stati d'animo che si lasciano accarezzare, a volte così innocenti da intenerire."
 (review)


_________________________________________________________________________________


abc100 - "dirty dishes from a hostile cosmos" (Headphonica 106)

Artist: abc100
Title: dirty dishes from a hostile cosmos
Label: Headphonica
Style: electronica, experimental
Date: February 19, 2013
"abc100 è visionario, diretto e fantasioso..."
 (review)


_________________________________________________________________________________

Tuesday, 24 December 2013

Cock & Swan - "Shapes in the Sheen" (Dandelion Gold)

"Shapes in the Sheen is a re-imagining of songs by local Northwest artists, with instrumentals/backing vocals by Cock & Swan and new performances by the original vocalists." (Words from release page)

Interessante esperimento degli infaticabili Cock & Swan, duo di Seattle che più di una volta in questo anno che volge al termine ha occupato le pagine di questo blog. "Shapes in the Sheen" è un omaggio a tre artisti provenienti dalla scena che circonda Seattle incarnata dalla label K Records. L'oramai personale sound di Cock & Swan avvolge anche queste quattro tracce (l'album ne contiene sei, di cui due sono brevi schizzi sonori). Ed è piacevole ascoltare come i due intraprendenti ragazzi di Seattle hanno ri-arrangiato le tracce di LAKE, di Arrington de Dionyso e Karl Blau. Amo soprattutto "Within Without", traccia d'apertura della band LAKE, riproposta qui con un morbido e volatile drumming che le dona modernità e leggerezza. Impreziosita dalle spruzzate elettroniche e dall'inconfondibile basso di Johnny Goss e farcita dal flauto e la voce di Ola Hungerford. "Celebrated by Singing" di Karl Blau è l'altra perla presente in questo breve EP. Una ritmica electro-bossa sostiene le malinconiche melodie di Karl arricchite dai cori e le armonizzazioni di Ola trasportando il suono in una dimensione electro-country-dreamy-gospel. Consiglio vivamente l'ascolto delle versioni originali per comprendere meglio l'ottimo lavoro svolto da Cock & Swan (aiutati dalla reinterpretazione dei brani degli artisti sopra-citati).

Artist: Cock & Swan
Title: Shapes in the Sheen
Label: Dandelion Gold
Style: electronic, trip-pop
Date: December 17, 2013


Sunday, 22 December 2013

Twink - "Miniatures Volume 1" (self released)

"Nine miniature songs made entirely with the Yellofier iPhone app using samples from Twink's own toy box. What started as a way to pass time on a short train trip grew into a full mini album of audio experiments. The Yellofier app (developed by the band Yello, most famous for "Oh Yeah" from the film Ferris Bueller's Day Off) is a perfect tool for the Twink workflow. It helps create complex tunes out of simple sounds and structures, mixing hi-fi technology with a certain wonky charm." (Words from release page)

Twink è il nome del progetto dell'eccentrico musicista Mike Langlie, proveniente da Boston. Innamorato da anni dei pianoforti giocattolo e dalle sonorità prodotte dai giochi per la tenera età, giunge ora al suo ottavo album intitolato "Miniatures Volume 1". Questo è un album che è nato per gioco con l'app Yellofier durante un breve viaggio in treno e sviluppatosi successivamente in un lavoro più completo. Ad un primo ascolto di queste brevi nove tracce mi si sono visualizzate le immagini semplici di quei programmi televisivi (ai tempi in cui possedevo ancora una televisione) dedicati alla prima infanzia, in cui colori vivaci si uniscono ad azioni elementari di facile apprendimento. Ed infatti, indagando all'interno del colorato sito di Twink, scopro che molte delle sue musiche sono state utilizzate per alcuni programmi per bambini trasmessi da svariati canali televisivi. Le ritmiche elettro-giocattolose dominano i venti minuti scarsi di "Miniatures Volume 1", producendo nove tracce in continuo sviluppo, come se dovessero seguire una piccola e semplice trama immaginaria. Musica che si strizza l'occhio ai musicisti della scena 8bit, ai compositori di colonne sonore e perchè no, alla classica contemporanea.

Artist: Twink
Title: Miniatures Volume 1
Label: self released
Style: toytronica
Date: October 21, 2013


Monday, 16 December 2013

The Root and the Basilisk - "EFG" (Little League Records)

"The Root and the Basilisk is the solo project of Monsters of The Antipodes' Greg Lewis. The Root And The Basilisk's debut album, EFG, is a collection of songs on acoustic and electric guitar. (with the help of Shane Stanton on drums and production) With lush textures, intricate math tapping, dense looping pieces and effect-drenched soundscapes, EFG leaves a lasting impression of puzzling rhythms and angular, flowing melodies." (Words from release page)

The Root and the Basilisk è il progetto solista di Greg Lewis, chitarrista proveniente da Baltimora. EFG è il titolo dell'album d'esordio ed è rilasciato dall'irlandese Little League Records, attivissima netlabel che sto seguendo con attenzione da qualche mese, e che dopo solo poco più di mezzo anno di età è già approdata alla release numero 35. EFG contiene 6 tracce in cui la chitarra (acustica ed elettrica) di Greg sfila con noncurante protagonismo. Si spazia dalle atmosfere rurali di "Hermit & The Star", alternando corse e passeggiate tra aridi campi ingialliti e cosparsi da uno strato di gelido bianco. Nascondigli e mimetizzazioni tra i fusti di un bosco denudato e falsamente privo di vergogna. Raggiungendo esausti i perimetri irregolari di grosse pietre accatastate a formare costruzioni che forse un giorno davano riparo a uomini disconnessi dalla società ma certamente legati con profondità agli umori della terra e del cielo. Un fuoco centrale tinteggia i volti di una speranza meditata. "Desert Cathedral" accompagna invece verso distese che sono linee rette immerse in una compiacente solitudine. EFG si adagia con disinvoltura in un ambient campestre abitata da un'umanità in perpetua interconnessione ma sofferente di una profonda solitudine che si sfoga nelle derive post-rock di "Teardrop", unica traccia in cui la chitarra di Greg Lewis viene accompagnata dalla batteria dell'amico produttore Shane Stanton. Poco più di venti minuti in buona compagnia, circondati da un'atmosfera meditativa e malinconica ma timidamente positiva.


Artist: The Root and the Basilis (FB)
Title: EFG
Label: Little League Records
Style: acoustic, electric, guitar
Date: December 08, 2013


Friday, 13 December 2013

Gillicuddy - ".​.​.​Plays Guitar Again" (self released)

"Lovely acoustic guitar from Germany. Also available as DELUXE EDITION incl. guitar tablature, hi-res video and remixed extended tracks."

Ho conosciuto la musica di Gillicuddy (Andreas Rohden) poco meno di un anno fa con l'incantevole "Plays Guitar", album rilasciato da Clinical Archives nel Febbraio 2012. Il musicista tedesco torna ora con tre album, ".​.​.​Plays Guitar Again" e due versioni deluxe a pagamento contenenti guitar tablature, video and extended tracks. La musica di Gillicuddy intiepidisce l'aria, rendendo migliore qualsiasi pensiero stia vagando consapevole della propria fugace vita. Classicismi che amano immedesimarsi in semplici racconti del presente, dimenticando volontariamente ore di studio e dedizione. Una chitarra che si siede in mezzo a un piccolo gruppo di persone ed inizia a dialogare, raccontando amabilmente di piccole e semplici storie. La musica di Gillicuddy ti accarezza e ti estranea, creando cerchi di ottimismo color pastello. Un disegno-locandina nella stanza di un'adolescente mi chiama bisbigliando..."everything is possible...just believe". L'immagine riflessa nello specchio mi fissa incuriosita e improvvisamente mi chiede: "Lo avevi mai dubitato?"

Artist: Gillicuddy (FB)
Title: .​.​.​Plays Guitar Again
Label: self released
Style: acoustic, guitar
Date: December 07, 2013


Wednesday, 11 December 2013

Stereoshape - "Sepia" (self released)

"After our last releases we felt the urge to slow down a little and try something different. It turned out to be a true liberation. Being tired of creating another house-tune, we made an album which is way calmer than everything we did before. It might be more experimental and melancholic as you would expect, but for us it is the most truthful piece of music we have created so far." (Words from release page)

Musica sinuosa, che si aggira silenziosamente tra le stanze di un appartamento oscurato dalla notte. Leggeri battiti elettronici che tengono per mano chitarre rilassate, passeggiando su lungomari intorpiditi dagli echi di dub-club. Un basso dal fisico palestrato trasmette una sicurezza che il più delle volte bisogna risvegliare assopita sotto la propria epidermide. Un suono uniforme che avvolge le guance come un morbido cuscino lungamente sospirato durante le ultime ore di un giorno sbagliato. Pulviscolo che si lascia trasportare da leggere oscillazioni dell'aria, luna park gratuito per particelle trascurate. Il risveglio è fiacco e frastornato. L'uomo anziano guarda le gambe sporgere dalla terra ombreggiata dalla carcassa di una carovana e non trova parole per un'umanità che ha sbagliato tutto per l'ennesima volta. Il volume dell'autoradio ad un livello che possa coprire i ritmi del motore ed insinuarsi perfettamente come colonna sonora di un'altra notte fredda ed asciutta. Affiancando le linee bianche sbiadite di una strada incustodita e schivando i rami di alberi ancora irritati dallo spazio a loro rubato con prepotenza. "Sepia" è un piacevole ondeggiare tra filtri e chitarre acustiche, tra beat morbidi e un'elettronica usata con la giusta moderazione. Amichevole e confidenziale produce un effetto coperta in una fredda giornata invernale.

Artist: Stereoshape (FB)
Title: Sepia
Label: self released
Style: indie, electronic, pop
Date: December 01, 2013


Saturday, 7 December 2013

Various Artists - "totokoko christmas compilation 4" (Totokoko)

"xmas has come.
city are colored with illumination.
we hope that you enjoy this wonderful time with this album." (Words from release page)

Quarto capitolo della compilation natalizia che ogni anno la netlabel giapponese Totokoko dona ai propri followers sparsi per il mondo. Attiva dagli inizi del 2010, l'etichetta giapponese si distingue con un sound acustico e sognante, capace di trasmettere sempre calore e intimità. Anche in questo caso la sensazione è quella di sentirsi abbracciati e protetti, avvolti e accarezzati da un suono morbido che si adagia sinuoso sulla sua timidezza. Palline bianche disorganizzate che planano dolcemente su superfici irregolari. Una piccola porticina viola su sfondo bianco e le pareti cotonate dell'ingresso che conduce al misterioso mondo dei sogni. Seduti a terra, bambini divertiti improvvisano un concerto della buonanotte con strumenti giocattolo. All'esterno frammenti di cristalli al rallenty s'inventano danze a mezz'aria riflettendo gioiosamente le luci colorate dei vicini alberi addobbati. Il meraviglioso suono della neve calpestata e il silenzio religioso che accompagna ogni suo arrivo. Ci sono le immancabili bells, i delicati arpeggi di chitarra e i piccoli tocchi di pianoforte che rimbalzano tra le pareti immaginarie poste ai lati delle orecchie. Da lontano si intravedono i bagliori di una spiritualità molte volte soffocata da un materialismo volgare e pericolosamente epidemico. Bambini in strada a scioperare contro una crescita impostata dalle multinazionali. "totokoko christmas compilation 4" è  una compagna dal carattere semplice e generoso, che ti sorride quando le apri la porta e ti "costringe" ad essere più buono.

Artist: Various
Title: totokoko christmas compilation 4
Label: Totokoko
Style: electro-acoustic
Date: December 01, 2013


Wednesday, 4 December 2013

NetMusic Life - November 2013 Selection

These are some of the best tracks that I have heard in November 2013:

wim (ウィム) - "White Cat Sleeping" (Totokoko)
Pasini/Pilia - "First Light Of The Day" (La bèl)
Uniform Motion - "The Pen Fallacy" (No Source)
Madoka - "とうしんだい" (Mayoware Records)
Nheap - "Primary Colors" (Acustronica)
Mentz - "dots" (esc.rec.)
Gaetano Fontanazza - "Imasking" (Sucu Music)
A Finnish Contact - 'Detachable Words/Tangled Numbers' (Kohlhaas)
Cock & Swan - "Night Valley" (Hush Hush Records)
Alarmist - "Pal Magnet" (self released)

Sunday, 1 December 2013

Massimo Ruberti - "The city without sun" (Nostress Netlabel)

""The City Without Sun" is a concept album of instrumental electronic music. An ideal soundtrack for the kid's novel by Michel Grimaud 'La ville sans soleil'. A French novel of the 70s, which in the post '68 era, tell us about of a group of teenager activists against the pollution of their 'city without sun' by an unscrupulous local squire.A book that still has not lost his, though simplistic, message of rebellion and hope. A book to be known, to be implemented, to not forget." (Words from release page)

Era da qualche mese che attendevo questa nuova release di Massimo Ruberti, musicista toscano che seguo già da tempo e che mi ha entusiasmato con l'ultimo album uscito nel 2010 per la lettone Elpa, intitolato "Autour de la lune", ispirato dall'omonimo romanzo fantascientifico di Jules Verne e accompagnato dalle immagini dell'artista americano David Brunnel Brutman. Ho seguito l’evolversi di questo nuovo progetto con la collaborazione dei social network, che mi hanno anche offerto la possibilità di conoscere (attraverso l’invio di messaggi dilatati nel tempo) il musicista livornese, con cui ho potuto scambiare qualche opinione riguardo l’uscita di questo nuovo lavoro intitolato “The city without sun”, ispirato dal racconto francese 'La ville sans soleil' di Michel Grimaud, edito nel 1973. Devo ammettere che sono molto fiero della scelta di Massimo di dare nelle mani di Nostress Netlabel il suo nuovo progetto. L’etichetta siciliana è sempre attenta a sonorità sperimentali di qualità, che possono spaziare dall’elettronica all’acustica fino all’improvvisazione. E nel caso di Ruberti ci troviamo dentro ad un ambiente elettronico “vintage”. I sei brani presenti in questa release si appropriano senza vergogna di suoni che sono riconducibili alle decadi 70/80. Ogni traccia si vanta  della propria spiccata personalità. E nel momento della scelta del brano da mettere in streaming nel post ho avuto alcune perplessità. Meglio la title-track? Le sue atmosfere sono perfette per sonorizzare le immagini di una città nell’anno 2013. Capannoni abbandonati con rovi tentacolari a segnarne il perimetro e la decadenza. File di vetri rotti su staffe arrugginite che creano composizioni artistiche moderne. Saracinesche soffocate da polveri nocive che suggeriscono ai passanti di abbassare lo sguardo a terra e a rassegnarsi alla malattia da loro stessi creata. In dieci minuti Ruberti ha la capacità di creare numerose immagini che si sfumano l'una con l'altra, sovrapponendosi ad un basso moog invariabile. Anche la seconda traccia, “Sabotage”, rientra nel mio personale podio. Un ritmo incalzante che mi trasmette energia vitale ad ogni ascolto. Qui siamo invece nel mezzo di strade più trafficate, dove la delinquenza è una delle poche vie d’uscita al malessere quotidiano causato da una classe politica schiava della Dea Economia e da un popolo demotivato sempre pronto a delegare il proprio futuro al prossimo. E poi c’è la chicca, la traccia in cui bisogna allacciarsi le cinture di sicurezza perchè il viaggio è denso e magmatico: “Smog”. Un agguato alla psiche, una penetrazione lenta, oscura e tagliente. Un suono poderoso che avvolge e ti prende in ostaggio, ti ipnotizza con oscillazioni che torturano il senso d’orientamento, con la destra e la sinistra a rincorrersi in un circuito elaborato. Suoni che urlano, prigionieri delle proprie vibrazioni. Psichedelia di prima scelta, ben disposta in una vetrina di un reparto di gastronomia biologica di un market tedesco.
Questa release è parte di un Cd in uscita il 15 Dicembre comprensivo di quattro extra bonus track.


Massimo Ruberti

Artist: Massimo Ruberti
Title: The city without sun
Label: Nostress Netlabel
Style: electronica, soundtrack
Date: November 26, 2013



Thursday, 28 November 2013

Madoka - "Door" (Mayoware Record)

Semplicità. Come le pareti immacolate di una stanza di un piccolo fanciullo intento ad osservare i risultati dei suoi primi esperimenti ludici. Nel mentre raggi solari disegnano figure geometriche irregolari sul pavimento ed evidenziano minuscole particelle volanti normalmente trascurate. Il ticchettare di un ciondolo può sostituire un metronomo guasto nell'attesa di un piccolo lamento che segnala che c'è qualcuno che ha un bisogno urgente di noi. E così la piccola orchestrina dei giocattoli inizia il suo piccolo concerto di benvenuto. C'è lo sguardo vigile su ogni leggero e piccolo movimento che accade nel presente, spesso trascurato per immaginare ciò che non sarà o per rimescolare ciò che è stato, attutendo il dramma di una vita che non è esattamente ciò che avevamo immaginato. La musicista giapponese Madoka, in questa nuova release con Mayoware Record, gioca con la semplicità. Triangoli che scandiscono i quarti, arpeggi di pianoforte lineari e un classicismo da camera che impregna le quattro brevi tracce presenti in "Door". Una porta che da un piccolo spiraglio ci lascia intravedere la meraviglia e lo stupore delle prime ed emozionanti esperienze d'apprendimento di una giovane creatura. Mentre sul davanzale una fotocamera per sentimenti rimane sola e incustodita, in attesa di essere inventata.

Artist: Madoka (SC)
Title: Door
Label: Mayoware Record
Style: piano, ambient
Date: November 24, 2013

Sunday, 24 November 2013

Nheap - "Flying and the silence" (Acustronica)

"Two years after 2011's "Clouds under the table ", highly appreciated by press and the public, "Flying and the silence" is the new, awaited chapter in Nheap's musical research. The fusion of modern sounds, such as ambient electronica and post-rock atmospheres, with suggestions of a more traditional kind, including jazz and funk, along with a deeper integration between synthetic and acoustic sounds, contributes to make this new album an extremely warm and organic work, where experimentation coexists with melodic and thematic research. Different atmospheres and moods always alternate in the course of the 10 tracks that make up the disc, all of which are tied by a distinctive and personal sound developed by Nheap over the years; that same sound which in this work is enhanced by a more pronounced presence of “traditional” instruments, side by side with modern electronic processing." (Words from release page)

Sinceramente ero in attesa di questo album, seguendo frequentemente tramite social netwok l'evolversi della vita artistica di Massimo Discepoli aka Nheap, batterista-compositore di Assisi nonchè curatore della netlabel Acustronica. Dopo l'eccellente "Clouds under the table" del 2011 ero veramente curioso di ascoltare gli sviluppi musicali del musicista umbro. E non posso che essere entusiasta dei risultati. "Flying and the silence" inizia soffuso con "Origin of water". Un rullante ovattato (che ha dimenticato la cordiera nel baule della macchina) scandisce con sinuosità il 2 e il 4 mentre un basso plasma imperterrito ogni elemento, accompagnato da un piano elettrico che dipinge con precisione le sfumature dell'acqua. "Primary colors" prosegue il discorso iniziale adagiandosi su un 7/8 d'eccellenza e mantenendo quella piacevole "morbidosità" che caratterizza i primi minuti di questo album. Le influenze fusion spuntano come rigogliosi e vivaci ciuffi d'erba in Marzo . Pattern essenziali che giocano su cassa, rullante e hi-hat. Terzinati che sfuggono la loro essenza in cerca di uscite di sicurezza. Il bisbigliare di un lago autunnale reso più introverso dalle frequenti foschie e dalla pigrizia della luce novembrina. Arpeggi di chitarra che sorvolano disinvolti Post-Rock City, incantati dall'imprevedibile movimento delle nubi. Con "Flying and the silence", la title track, arriva finalmente la primavera, uno degli episodi più "pop" dell'album, con una melodia di chitarra che è una corsa spensierata tra prati profumati, magari svestiti a rincorrere farfalle. Adoro le tentazioni experimental-elettroniche di "Lost in a leaf", a mio parere uno dei momenti più creativi dell'album e sarei segretamente fiero se Nheap in futuro continuasse in questa interessante direzione. Nell'insieme ciò che mi attrae di più è la fluidità dei ritmi, il loro trovarsi sospesi a mezz'aria, noncuranti della gravità terrestre. Giungendo infine completamente sfamato in zone in cui la luce inizia a diminuire, dove con pazienza il primo sogno della notte mi sta aspettando.

P.S. This album is available for free download until November, 30th. After that it will be on sale on Bandcamp at a symbolic price, and also on Spotify, iTunes and many others stores.

Artist: Nheap
Title: Flying and the silence
Label: Acustronica
Style: jazz, electro-acoustic
Date: November 21, 2013


Friday, 22 November 2013

Mentz - "Lines" ( esc.rec.)

"Mentz is Stephan Raab, a jazz fanatic and music collector from the Netherlands making (small) musical collages for many years now. With roots in the early days of internet music (member of "tracker scene" groups like tokyodawn records and others), he developed a love for the limited possibilities of sample based music production. This concept is still the foundation for Mentz music. Building layers of found sound, recording other musicians and using these recordings as individual sample resources, he creates strange compositions with a unique warm sound." (Words from release page)

Neanche dieci minuti di musica. Un piccolo e squisito assaggio che ha inizio con una breve introduzione situata tra il free-jazz e il soundtrack che piacerebbe molto a Cagey House. Mentz lavora con i sample in un modo molto umano, e con la collaborazione di alcuni strumentisti (Krisztián Ákos Muhari/Trumpet, Wouter Suren/Clarinet, Bart Knol/Rhodes) propone quattro tracce di jazz sognante, etereo e sfuggente. Ricercati sample in loop impegnati a infondere un effetto ipnotico e onirico, perfetto per lente scene in bianco e nero di film indipendenti europei d'autore. Leggeri soffi, l'aria che si sposta sinuosamente, un sottile strato di fumo aleggia in una tiepida stanza in penombra. Accenni, sguardi che timidamente si evitano per sfuggire a brusche emozioni ed inquietanti cambiamenti di rotta. Paure nascoste dietro a maschere di sicurezza acquisita da lunghi e faticosi anni di esperienza. Ma tutto si riduce a un suono, ad un feeling che vive solo nel presente e alla capacità di lasciare aperte le nostre porte della sensibilità.


Artist: Mentz
Title: Lines
Label: esc.rec.
Style: dreamy, jazz
Date: November 20, 2013


Wednesday, 20 November 2013

Gaetano Fontanazza - "Music For Toys Meditation" (Sucu Music)

"Gaetano Fontanazza, a.k.a. Pseudo, guitarist and musician extraordinaire, offers his first release on Sucu Music, the beautifully entitled “Music for Toys Meditation”. As usual, he explores all of the most extreme and fantastic territories his guitar and his array of effects, musical skill and inventive, can take him (and us) to. It is a short-length release, clocking off at 25 minutes, where ambient, glitch, noise and soundscapes create a unique aural and emotional experience in the listener. Not to forget some acoustic moments which, unexpected as they may sound, given the profoundly electronic feel of the work, do not appear strange or gratuitous at all." (Words from release page)

Bene, un'altra netlabel italiana si affaccia nel vasto panorama della creative commons music mondiale. Ad Enna nasce pochi mesi fa Sucu Music, guidata appunto da Gaetano Fontanazza (aiutato dagli amici Luca Sproviero, Tony Colina e Vincenzo Scuderi). Leggendo il breve manifesto presente nel sito di Gaetano comprendo che le intenzioni sono buone e sono fiero che altre persone siano convinte che le netlabels siano fondamentali per la buona salute della musica odierna. E "Music For Toys Meditation" dimostra egregiamente la voglia di sperimentare che fortunatamente non ci abbandonerà mai, sin dalla spiazzante prima traccia: "Seriously kidding". Alieni in escursione terrestre notturna, strumenti elettronici con piccole lampadine rosse in rapida e disordinata intermittenza. Tende sollevate lentamente cercando cose di cui si è dimenticato il nome. Forse sono le loro voci e questo è il loro modo di dialogare e a quanto pare sono curiosi e divertiti. Ma l'album si apre successivamente su sonorità più ampie e "Seriously kidding" rimane uno degli eventi più estremi. "Imasking" sorvola  su deserti disseminati di beat elettronici catturando sequenze in modo apparentemente inconsapevole sotto l'effetto di farmaci distensivi e leggermente ipnotizzanti. Micro-beat rotondi e compressi, che inciampano volentieri nel loro camminare disordinato e affondano tra profonde pareti che rilasciano ampi riverberi naturali. Fossili in lento risveglio, ossessionati da insistenti rumori spaziali. L'idea è che non ci sia più nessuno e che l'umanità sia stata solo un breve respiro nella vastità del tempo. La musica di Gaetano Fontanazza è generosa di immagini primitive, leggere e malleabili. Ce ne si appropria e ci si crea il proprio personale album di viaggio. Tra lo spazio interstellare e le profondità della terra senza il minimo trauma.


Artist: Gaetano Fontanazza
Title: Music For Toys Meditation
Label: Sucu Music
Style: ambient, guitar livelooping
Date: November 15, 2013


Monday, 18 November 2013

A Finnish Contact - "In Case We'll Meet" (Kohlhaas 001)

"A Finnish Contact makes questionable music. A Finnish Contact loves to argue."(Words from A Finnish Contact FB page)

Imbarcazioni con a bordo giovani curiosi che remano lentamente in torrenti di bit liquidi. Messaggi radio incomprensibili cercano un contatto, un segnale, una presenza. Ma oscure grotte che nascondono avidamente la notte impediscono ogni ricezione. Le sottili strisce di luna riflessa non riservano alcun beneficio, se non quello di accontentare per pochi secondi i famelici sensi. Una lunga notte in cui l’universo sembra voler raccontare qualcosa che nessuno di noi ha mai saputo. Una notte solida ed umida, imbarazzata e intimorita dall’avvicinarsi di un coltello di cui sono sconosciute le intenzioni. ”In Case We'll Meet” di A Finnish Contact è intima solitudine, un tiepido rifugio notturno dove interpellare i nostri sogni più segreti. E' inoltre la prima release targata Kohlhaas, una nuova e promettente netlabel italiana con base a Trento.

Artist: A Finnish Contact (FB)
Title: In Case We'll Meet
Label: Kohlhaas (FB)
Style: electro-acoustic, minimal
Date: November 11, 2013


Friday, 15 November 2013

wim (ウィム) - "thanks & early feelings" (totokoko 040)

"I want my music to encourage people to think about things, especially things they care about, like other people, or nature, or faith, or youthfulness, or memories of them. So I try and make it about those things in addition to sounding calm and simple. I want my music to be the park you look for in the city to observe and remember goodness, those good things." (Words from release page)

"Io voglio che la mia musica sia il parco che cercate in città per osservare e ricordare la purezza e le cose buone." Ebbene, nel mio caso, il musicista giapponese wim è riuscito nelle sue benevoli intenzioni. E' da alcuni giorni che la sua dolce (ma non melensa) musica mi trasporta in uno stato di benessere che si spalma delicatamente su tutte le ore della giornata. Semplice, essenziale, perfettamente incastrato nel (sempre più prezioso) catalogo della netlabel giapponese totokoko. Gli ingredienti sono veramente pochi: delicati arpeggi di chitarra, rarefatte bells dai colori tenui, una voce appena sussurrata ed un'atmosfera che si pone tra il sogno, la natura e l'intimità. Una persona sconosciuta che ti apre la porta di casa e ti accoglie con gentilezza, accompagnata da delicati aromi di tè che svolazzano liberi nella stanza. "thanks & early feelings" mi fa sentire a mio agio, mi riaccompagna ad una pace interiore che il più delle volte è in libera uscita, infastidita dalle frequenti (e non sempre utili) problematiche quotidiane. Wim risveglia i sensi e dipinge con colori tenui immagini in bianco e nero sbiadite. E sa sorprendermi quando con poche note (a and j) riesce a procurarmi una tempesta di puntini elettrici lungo tutto il corpo. Un album poetico, che sfiora il pop (white cat sleeping) mantenendone le debite distanze e che mi ricorda (e mi sussurra) che solo con un sano pensiero positivo possiamo veramente migliorare ogni cosa.

Artist: wim (ウィム)
Title: thanks & early feelings
Label: totokoko
Style: acoustic, pop
Date: November 09, 2013

Wednesday, 13 November 2013

Cock & Swan - "Recess Tangle Vol.1" (Hush Hush Records)

"Hush Hush Records is proud to present Recess Tangle, Vol. 1, the first installment in a two-part collection of remixes taken from Cock & Swan’s recent album and Hush Hush debut, Secret Angles. The label reached out to a talented roster of local friends and respected international colleagues and ended up receiving 24 varied, top-shelf interpretations of the Seattle duo’s hypnotic dream-pop sound. Ranging from serene lullabies to propulsive dancefloor jams to intense nightmare soundtracks, the 12 tracks found on Recess Tangle, Vol. 1 offer a brilliant glimpse into both the diversity of the Seattle duo’s sound and the talents of the artists that have contributed remixes to this collection." (Words from Fluid Radio)

Il potere ipnotico della musica di Cock & Swan viene portato all'ennesima potenza da questo album di remix tratti da "Secret Angels", album rilasciato da Hush Hush Records nel settembre 2013. La voce già eterea di Ola Hungerford viene il più delle volte viene ripresa, trattata, filtrata producendo un effetto psicotico-alienante, già presente in dosi massicce nelle produzioni firmate Cock & Swan. Remix che spostano la musica del duo di Seattle nelle zone più buie del trip-hop, tra deformazioni visive e allucinazioni sonore. Questa è musica malata, insana. Musica che non disdice l'uso di droghe per possedere le chiavi segrete di porte ancora chiuse. Suoni lenti e pesanti, enormi massi con le gambe che con i loro passi fanno vibrare km² di territori desolati. Dodici remix di assoluta qualità che dimostrano la malleabilità della musica di Cock & Swan, sebbene il più delle volte si ha l'impressione di trovarsi di fronte a qualcosa di impalpabile e immateriale.

Artist: Cock & Swan (FB)
Title: Recess Tangle Vol.1
Label: Hush Hush Records
Style: trip-hop, dream-pop
Date: November 05, 2013


Monday, 11 November 2013

Alarmist - "Pal Magnet EP" (self released)

"ALARMIST are an instrumental four-piece from Dublin, consisting of Neil Crowley, Elis Czerniak, Osgar Dukes and Barry O'Halpin. Recorded with Solar Bears' Rian Trench, their second EP Pal Magnet retains the frenetic energy, playful melodicism and constant experimentation of their first release, while incorporating a wider and more colourful and sophisticated palette of sounds. A wealth of influences can be heard across these four tracks; their sound world can instantly shift from a twanging mutation of 50s surf guitar to glitchy 8-bit electronics or cinematic, big-band influenced crescendos. "(Words from Facebook page)

Fontane di energia. Due batterie che si scambiano le parti con la naturalezza di un bambino alle prese con i suoi primi giocattoli. Si, me ne sono accorto, la stanza è tappezzata con i poster dei Tortoise... e allora? Ho sempre amato i Tortoise! Virtuosismi mai fini a se stessi ma determinanti all'interno di una visione d'insieme. Un vasto banchetto in cui sono presenti decenni di generi e stili musicali in cui i dublinesi Alarmist sanno scegliere le pietanze più prelibate accostandole con sapienza, con la capacità di uno chef di lunga esperienza. "PG Films" ne è un esempio lampante: fusion fine eighties, succhi tropicali, notti stellate dopo un piscina-party, math-rock biologico e divertissement strumentali elaborati con la semplicità di una tazza di corn-flakes alle sette del mattino. "Pal Magnet", la title-track, è da brividi sottili lungo le braccia. Una frase all'unisono tra chitarra, synth e basso degna di un film poliziottesco italiano di fine '70 seguita da un'emozionante "zona stacchi" centrale attorniata dal silenzio ed uno strabiliante finale da orchestrazione cinematografica. Un inchino meritato a questi quattro ragazzi irlandesi che oltre ad essere musicisti dalle indiscutibili qualità sanno offrire una musica vigorosa e ricca di vivace fantasia.


Alarmist


Artist: Alarmist (FB)
Title: Pal Magnet EP
Label: self released
Style: post-math-rock
Date: November 01, 2013 







Friday, 8 November 2013

Various Artists - "Best Of No-Source Vol.1 & 2" (No Source)

"No-Source closes its doors today after over 4 years. Time to move on to other projects... It has been a fantastic adventure. We made some great friends and met many wonderful musicians along the way. Before we depart, please enjoy these two best of compilations (Vol. 1 / Vol. 2). Each contains one previously unreleased track. To the future!" (Words by Tim Dwyer, No Source founder)

Sinceramente sono rimasto molto dispiaciuto alla notizia della decisione da parte di Tim Dwyer di abbandonare il progetto No Source, netlabel americana che ho seguito con piacere sin dagli inizi di questa mia passione verso il mondo della Creative Commons Music. No Source lascia un catalogo ricco di perle elettro-acustiche che si possono assaporare in questa ultima doppia compilation, contenente 32 tracce più due inediti. In quattro anni di attività l'etichetta americana è riuscita a promuovere un sound  che ben rappresenta la fusione tra musica elettronica ed acustica, distribuito in 70 releases di indubbia qualità. Molti di questi album hanno accompagnato piacevoli ore della mia vita. Forse è anche inutile interrogarsi sul futuro delle netlabels, simbolo della passione musicale donata in modo sincero e gratuito e il più delle volte snobbata dai media mainstream. Persone, spesso musicisti, che impegnano ore ed energie della propria vita per promuovere altri musicisti senza avere nulla in cambio, se non il piacere che provoca farlo, godendo del fatto che altre persone stanno apprezzando il frutto degli sforzi compiuti. Lontane anni luce da modelli economici invadenti, sporchi e inquinanti. Le netlabels rappresentano la purezza di spirito, il piacere di fare le cose per il piacere di farle. Sono certo che in un mondo che sembra dover per forza convertirsi allo streaming, le netlabels non cesseranno di avere la propria piccola importanza, continuando ad illuminare oscuri angoli di buona musica che non deve rimanere nascosta. Grazie Tim e a tutti i musicisti che hanno collaborato con te. Mi consolerò con Acustronica, La bèl e Totokoko, etichette che, ognuna a suo modo, sono affini al sound da te proposto in questi anni.

Artist: Various
Title: Best Of No-Source Vol.1 & 2
Label: No Source
Style: electronic, acoustic
Date: November 01, 2013

Wednesday, 6 November 2013

Daniele Pasini, Raffaele Pilia - "Northern lights" (La bèl 022)

"Northern Lights" flows from a common passion for Northern Europe landscapes, which freely inspired most of their songs. Recalling the fascinating phenomenon of the aurora borealis, the album offers a collection of eight instant composition pieces for flute and classical guitar. (words from release page)

Bastano due strumenti, flauto e chitarra, ad evocare freddi ed incontaminati paesaggi nordici. Magia della musica. Pur non avendo mai avuto l'occasione di visitare personalmente questi luoghi, Daniele Pasini e Raffaele Pilia, con l'intenso album "Northern lights", hanno il pregio di trascinarmi su vaste e gelide distese perennemente innevate. Sanno creare immagini, disegnare ambienti naturali e colorarli con tinte chiare ed abbaglianti. Si sente la solitudine di località difficilmente raggiungibili, poche impronte abbandonate su una terra dura e ghiacciata. Si vede il sole immobile all’orizzonte, piccoli gruppetti di volatili che si scambiano consigli sulla direzione da prendere. Ci sono animali dalle folte pellicce che si rincorrono, forse per nutrirsi o forse per giocare. C’è il desiderio di uscire dal caos e dall’incertezza quotidiana alla ricerca di una spiritualità che solo il silenzio e la solitudine ci possono dare. È incredibile come due musicisti provenienti dalla Sardegna riescano ad evocare meravigliosamente, e con due soli strumenti, posti distanti migliaia di Km. e climaticamente agli opposti. Potrei citare Morricone e il suo inarrivabile west immaginario. Ma qui siamo al nord del nord e manca ancora una storia da raccontare. La musica è già stata scritta.

Daniele Pasini - Raffaele Pilia



Artist: Daniele Pasini, Raffaele Pilia
Title: Northern lights
Label: La bèl
Style: impro, acoustic
Date: October 31, 2013
 

Monday, 4 November 2013

NetMusic Life - October 2013 Selection

These are some of the best tracks that I have heard in October 2013:


Cock & Swan - "Crown of Milk"  (Dandelion Gold)
Sun Glitters (feat. Sara) -"Slow" (BLDG5)
Hypo77 - "Heteroxenous Boundaries" (Bunkai-Kei)
You Are Not Real - "Lynx" (self released)
Layur - "Secangkir Teh, Rintik Hujan Dan Beberapa Baris Melodi" (totokoko) 
Weerthof - "Toothbrush Tune" (esc.rec.) 
Oceanus - "Sirens (Part II)" (Hawk Moon Records) 
Darwin Raymond - "10,000 Ft and Watertower" (Subterranean Tide) 
Jordan Rakei - "Selfish" (self released)

Artwork by Opalino Mind


Saturday, 2 November 2013

The Sea Life - "Transitions" (self released)

"Transitions is our latest EP.
 
In the last year, we've transitioned through several different band members and experienced a number of life changes. All these experiences have had a huge impact in the development of our sound and the direction we plan to go. Of the songs we've produced with our new four-piece lineup, the four songs on "Transitions" are the only ones that we feel properly represent our current sound. We feel that they best portray the transitions that we’ve undergone—as band members and as individuals." (Words from release page)

Le solite strade che cambiano sfumature in accordo con le stagioni. Il disordine e l'imperfezione naturalmente profumano di genuinità. La terra vibra anche se l'aria è apparentemente calma. Dubbi e perplessità sull'utilità delle parole sfilano come giovani majorettes in un carnevale benefico di provincia. Una sofferenza auto-compiacente si trasforma in un freddo serpente aggrovigliato all'interno di uno stomaco in riposo forzato. Decenni di monitor accesi hanno ammalato l'umanità di assurdo protagonismo. Tutto pare immobile e le foglie sembra che quest'anno abbiano timore di staccarsi dai rami. L'incertezza è dipinta su ogni volto che incrocio. La rassegnazione è invece negli occhi che evitano di incontrare i miei. Una sensazione di imbroglio colossale accompagna le mie monotone giornate che si scaldano tiepidamente con i suoni sinceri di "Transitions".

Artist: The Sea Life (FB)
Title: Transitions
Label: self released
Style: indie, pop, rock
Date: October 31, 2013


Wednesday, 30 October 2013

Feed Me Jack - "Anatolia" (self released)

Ascoltare "Anatolia" dei californiani Feed Me Jack è uno spasso. Un rock fresco con accenni progressive che ha la capacità di mantenere l'ascolto in uno stato continua attenzione. Innumerevoli trasformazione di stile, stacchi, mutazioni inaspettate e cambi di tempo fanno di "Anatolia" un album brioso ed effervescente. Cinque abili giovani musicisti che rubano anni di progressive e lo ricolorano con tinte decisamente più vivaci. Qualche sporadica escursione sudamericana, una percettibile gran voglia di suonare insieme e una fantasia spumeggiante fanno di "Anatolia" un album che si può ascoltare decine di volte senza provare lontanamente sensazioni di noia.

Artist: Feed Me Jack (FB)
Title: Anatolia
Label: self released
Style: math rock, progressive
Date: October 25, 2013


Thursday, 24 October 2013

You Are Not Real - "The Sky Goes All the Way Down to the Ground" (self released)

Artist: You Are Not Real (SC)
Title: The Sky Goes All the Way Down...
Label: self released
Style: electronic, ambient
Date: October 20, 2013

Purtroppo nell'era digitale i musicisti possono permettersi di mettere gratuitamente on-line album meravigliosi  e decidere successivamente di eliminarli dalla faccia della terra. E così, insieme alle poche persone che hanno avuto la fortuna di scaricarli prima della loro scomparsa, rimangono blog senza player e post che parlano del nulla, visto che i link che portano all'ascolto non hanno più nessuna funzionalità. E' il caso di You Are Not Real, misterioso musicista di Birmingham (così dice la sua pagina SoundCloud, ma delle informazioni che mi offre la rete mi fido sempre meno), che nell'Aprile di questo anno ha rilasciato uno stupendo album omonimo, oramai introvabile ma fortunatamente presente nella mia libreria musicale. Ora, dopo alcuni singoli sparsi (anche quelli scomparsi) torna con questo "The Sky Goes All the Way Down to the Ground", cinque tracce che cercano un approccio vagamente pop alle sperimentazioni elettroniche del musicista britannico. "Lynx" è un'ottima traccia, con una spettacolare ed ipnotica apertura al terzo minuto, anche se purtroppo ci sono i Radiohead sogghignanti nascosti dietro a cataste di monitor inutilizzati. Cinque buone tracce, che si muovono all'interno di puntigliose ricerche sonore e impossibili incastri ritmici ma che purtroppo sono prive di quell'elemento ipnotico che pervadevano il primo ed oramai introvabile album di You Are Not Real.

Friday, 18 October 2013

Cock & Swan - "Moonchill" (Dandelion Gold)

“Moonchill” is an EP by Cock & Swan constructed from samples of “Moonchild” by King Crimson.

Sono convinto che Cock & Swan siano una delle più belle realtà musicali in circolazione. Da poco usciti con Hush Hush Records con "Secret Angels", ipnotico album con uno dei sound più affascinanti che mi è capitato di ascoltare negli ultimi mesi. "Moonchill" è un EP costruito su samples di "Moonchild", quarta traccia dell'album di debutto dei King Crimson "In the Court of the Crimson King". Cinque brani in cui il basso sporco di Johnny Goss funge da fondamenta su scarni beats di batteria mentre all'esterno elementi chimici in libera uscita diffondono vapori che agevolano uno stato di piacevole ipnosi. Un suono di basso che mi viene voglia di abbracciare. "Moonchill" produce immagini notturne, strade semi-deserte e l'impercettibile suono della gente che dorme. Motori che si accendono, pattuglie della polizia annoiate e sirene di antifurti in lontananza.  Il caldo suono di synth analogici dialoga amabilmente con narcotiche bells mentre la voce di Ola Hungerford è l'aria, lo spazio vuoto, ciò che unisce tutti gli elementi dando il tocco finale al suggestivo sound elaborato dal duo di Seattle. Candidata al mio personale ed inesistente premio di migliore band ascoltata quest'anno.

Cock & Swan: Johnny Goss & Ola Hungerford




Artist: Cock & Swan
Title: Moonchill
Label: Dandelion Gold
Style: electronic, pop, trip-hop
Date: October 15, 2013






Wednesday, 16 October 2013

Hypo77 - "Flux" (Bunkai-Kei 039)

Il lungo intro di "Heteroxenous Boundaries" è un luccicante biglietto da visita di "Flux", straordinario album di Hypo77 rilasciato dalla label giapponese Bunkai-Kei. Atmosfere epiche, sette minuti abbondanti di particelle elettroniche gonfie e strabordanti. Accurati incastri ritmici si abbracciano a paesaggi sonori con visuale a 360°. Ed è solo la prima traccia di 6. "Flux" colpisce i sensi e credo che sia difficile rimanere inerti alla violenza sonora di "XI" o alle oscurità esistenziali di "Darya-i-Noor Air", uno dei momenti più intensi dell'album. Musica elettronica che si alterna tra brutali aggressioni psicologiche e candide passeggiate in viali multi-color di tiepidi pomeriggi autunnali. Hypo77 comunica e riesce a dare espressione e passionalità ad elementi digitali, creando visioni, macchie di colori acrilici e esplorazioni ultra-terrene. "Flux" è una penetrante esperienza sonora.


Artist: Hypo77 (SC)
Title: Flux
Label: Bunkai-Kei
Style: Chillwave, Ambient, Electronica
Date: October 10, 2013


Monday, 14 October 2013

Various Artists - "Ground Floor" (BLDG5)

Poche sono le informazioni riguardo a BLDG5, label ideatrice di questa gustosa compilation che sa offrire un ottimo punto della situazione di un certo tipo di elettronica dei giorni nostri. Un'improponibile location su Soundcloud (Heard Island & McDonald Islands, isole disabitate che si trovano nei Mari antartici), alcune tracce distribuite su Bandcamp e un sito in costruzione. Questa compilation manda BLDG5 direttamente in orbita nello spazio elettronico odierno. 14 tracce che giocano con l'elettronica in modo creativo e moderno, sfruttando filtri, pitch ed effettistica varia con gusto e originalità. Ed è così che spuntano splendidi fiori dai vivaci colori, come nei 02:33 di "Missed" di Greyhat, dove lacrime abbracciano ritmiche hip-hop farcite da suoni kraut. O le ispirazioni seventies di Free the Robots, un jazz-prog-rock tritato in un electro-frullatore. Elementi selvaggi e naturali si scambiano effusioni nella forestale "The souls of a 1000 Bunnies" di Gra. Fino ad arrivare all'eterea "Slow" di Sun Glitters e Sara, uno dei momenti più profondi e intensi dell'album e che conferma Sun Glitters come uno dei personaggi più influenti della scena elettronica attuale. Un sound unico, ipnotico e sognante, riconoscibile nel mezzo di imponenti cascate di musica elettronica. Glitterswave. L'intensità rimane alta anche con le atmosfere mitteleuropee  di Helfer, autore di "Couch Surfer", raffinato electro-pop chiaro-scuro o nel dreamy-pop perfetto per lunghi voli aerei di "Whois" di Rotem Or. Ma si scende anche in oscuri sotterranei, metropolitane abbandonate da popolazioni che si sono rifiutate di correre, nella claustrofobica "Dropping" di 3421. L'atmosfera generale è onirica, ipnotica, e dopo l'ascolto di "Ground Floor" si rimane vagamente straniati, immersi ancora in un universo sonoro che prova a dire qualcosa di nuovo senza essere troppo complicato e pesante. Trent'anni di musica elettronica davanti allo specchio intenti a scegliere il loro nuovo vestito ufficiale.

Artist: Various
Title: Ground Floor
Label: BLDG5 (FB)
Style: electronic, beats, glitterswave
Date: October 07, 2013