Sunday, 24 November 2013

Nheap - "Flying and the silence" (Acustronica)

"Two years after 2011's "Clouds under the table ", highly appreciated by press and the public, "Flying and the silence" is the new, awaited chapter in Nheap's musical research. The fusion of modern sounds, such as ambient electronica and post-rock atmospheres, with suggestions of a more traditional kind, including jazz and funk, along with a deeper integration between synthetic and acoustic sounds, contributes to make this new album an extremely warm and organic work, where experimentation coexists with melodic and thematic research. Different atmospheres and moods always alternate in the course of the 10 tracks that make up the disc, all of which are tied by a distinctive and personal sound developed by Nheap over the years; that same sound which in this work is enhanced by a more pronounced presence of “traditional” instruments, side by side with modern electronic processing." (Words from release page)

Sinceramente ero in attesa di questo album, seguendo frequentemente tramite social netwok l'evolversi della vita artistica di Massimo Discepoli aka Nheap, batterista-compositore di Assisi nonchè curatore della netlabel Acustronica. Dopo l'eccellente "Clouds under the table" del 2011 ero veramente curioso di ascoltare gli sviluppi musicali del musicista umbro. E non posso che essere entusiasta dei risultati. "Flying and the silence" inizia soffuso con "Origin of water". Un rullante ovattato (che ha dimenticato la cordiera nel baule della macchina) scandisce con sinuosità il 2 e il 4 mentre un basso plasma imperterrito ogni elemento, accompagnato da un piano elettrico che dipinge con precisione le sfumature dell'acqua. "Primary colors" prosegue il discorso iniziale adagiandosi su un 7/8 d'eccellenza e mantenendo quella piacevole "morbidosità" che caratterizza i primi minuti di questo album. Le influenze fusion spuntano come rigogliosi e vivaci ciuffi d'erba in Marzo . Pattern essenziali che giocano su cassa, rullante e hi-hat. Terzinati che sfuggono la loro essenza in cerca di uscite di sicurezza. Il bisbigliare di un lago autunnale reso più introverso dalle frequenti foschie e dalla pigrizia della luce novembrina. Arpeggi di chitarra che sorvolano disinvolti Post-Rock City, incantati dall'imprevedibile movimento delle nubi. Con "Flying and the silence", la title track, arriva finalmente la primavera, uno degli episodi più "pop" dell'album, con una melodia di chitarra che è una corsa spensierata tra prati profumati, magari svestiti a rincorrere farfalle. Adoro le tentazioni experimental-elettroniche di "Lost in a leaf", a mio parere uno dei momenti più creativi dell'album e sarei segretamente fiero se Nheap in futuro continuasse in questa interessante direzione. Nell'insieme ciò che mi attrae di più è la fluidità dei ritmi, il loro trovarsi sospesi a mezz'aria, noncuranti della gravità terrestre. Giungendo infine completamente sfamato in zone in cui la luce inizia a diminuire, dove con pazienza il primo sogno della notte mi sta aspettando.

P.S. This album is available for free download until November, 30th. After that it will be on sale on Bandcamp at a symbolic price, and also on Spotify, iTunes and many others stores.

Artist: Nheap
Title: Flying and the silence
Label: Acustronica
Style: jazz, electro-acoustic
Date: November 21, 2013


No comments:

Post a Comment