Wednesday, 13 February 2013

Machines in Heaven - "The Glasgow Jihad" (Black Lantern Music 073)

"It's the closing track bordersbreakdown that shows the band at their most ambitious, encompassing everything from skittering RnB rhythms to a widescreen Killers-esque guitar line... it's not hard to see the four-piece following the likes of Chvrches in breaking out of the Glasgow electro-pop scene." - Max Sefton, RaveChild

Aspetti il vento che senti scivolare da lontano. La stesse barriere incolore che i soliti profili corporei ti erigono per propria difesa. Eppure la primavera è qui e si fa ascoltare in ogni suo senso. Le scelte sono scelte nel campo delle innumerevoli opportunità. Restare fermi è una scelta, a volte masochistica e a volte provocata dal timore di un’oscurità che basterebbe illuminare di luce propria. «Machines in Heaven» provoca una beata sicurezza situata all’interno dei suoi precisi contorni elettronici. Pop? Royksopp? Techno-pop? Ha ancora un senso?"bordersbreakdown" si reiventa ogni definizione appena scritta nel suo svilupparsi in un trama progressive galleggiante in un lago post-rock illuminato da boe elettroniche. Il caso sta con le spalle al muro nell’angolo più buio della stanza.

Due parole: elettronica consapevole.
Un consiglio: Talk Less, Say More

Artist: Machines in Heaven (FB)
Title: The Glasgow Jihad
Label: Black Lantern Music
Style: electronic,pop
Date: February 08, 2013


No comments:

Post a Comment